• slidebg1

scopri l’isola che non c’è

L’ISOLA DI GORGONA

LA PIU’ PICCOLA DELL’ARCIPELAGO TOSCANO,
DAL 1869 E’ UNA COLONIA PENALE ALL’APERTO

L’isola, prevalentemente montuosa, è stata sede di eremiti e
monaci e oggetto di incursioni barbariche. Oggi l’isola ospita una
colonia penale all’aperto, dove i detenuti possono muoversi
liberamente per lavorare e imparare nuove professioni che li
aiuteranno a reinserirsi nella società, al termine della pena.

GORGONA E FRESCOBALDI

UN PROGETTO SOCIALE NATO DALLA COLLABORAZIONE
TRA FRESCOBALDI E L’ISTITUTO DI PENA GORGONA

Gli agronomi e gli enologi Frescobaldi stanno lavorando
dal 2011 con i detenuti, offrendo loro competenze sulla
viticoltura e sul vino, che potranno utilizzare per costruirsi
un nuovo futuro.

gorgona

un vino dal sapore di libertà

Il vino Gorgona proviene da un piccolo vigneto  di
Vermentino e Ansonica, piantato nel 1999 nell’unica
zona riparata dai forti venti marini. Il vigneto è gestito in
coltura biologica dai detenuti del carcere.

LE ETICHETTE DI GORGONA

LE STORIE RACCONTATE PER OGNI VENDEMMIA

“Del vino, così come della musica, parlare è sempre un azzardo. Meglio
porsi in ascolto, stupirsi e imparare, davanti a tanta bellezza e alla festa
dei sensi… Vertigini sensuali, ma dello spirito. Come la musica.” 
Andrea Bocelli

ENTRA NEL PROGETTO

Un viaggio emozionante nell’isola che non c’è.
Scopri come e dove nasce Gorgona.